posted: 07/07/11 at 03:15 pm

TOUR DE FRANCE: UN PO’ DI NUMERI E CURIOSITA’ CHE HANNO FATTO LA STORIA

By: Christian
Comments: No Comments »

Sappiamo tutto o quasi dei campioni di questo 98^ Tour de France, ma conosciamo allo stesso modo i numeri che ne hanno fatto la storia e che l’hanno fatto diventare l’evento ciclistico più amato e più seguito a livello mondiale? Vi presentiamo alcune curiosità che fanno capire il perchè questo evento sia diventato il sogno di ogni ciclista.

Cominciamo da chi ha vinto di più. In testa alla lista degli atleti plurivittoriosi troviamo Lance Armstrong, che è stato capace di conquistare 7 titoli consecutivi dal 1999 al 2005, per il discusso ciclista americano però non è stato mai vero amore con i tifosi transalpini. Dietro di lui con 5 vittorie troviamo dei monumenti della storia del ciclismo: Jacques Anquetil, Eddy Merckx, Bernard Hinault e Miguel Indurain, che, oltre che vincere hanno saputo anche convincere e diventare dei simboli per il pubblico, appaiati nella storia e nel cuore di tanti malati di ciclismo.

Il più giovane vincitore del Tour è stato il francese Henri Cornet capace di trionfare nel lontano 1904, nella seconda edizione a 19 anniIl più vecchio vincitore è il belga Firmin Lambot, che, ormai trentaseienne conquistò la Maglia Gialla nell’edizione del 1922. Altri tempi è vero, oggi il Tour non è più solo un fenomeno di colore, ma un evento sportivo dove per poter vincere bisogna poter contare su una macchina pressochè perfetta.

Gino Bartali detiene il record di longevità nelle vittorie di tappa, tra il 1938 ed il 1948 riuscì a vincere a distanza di 10 anni. Nelle vittorie di tappa, il re incontrastato è Eddy Merckx, capace di aggiudicarsi 34 tappe. Per il cannibale, un record mai neanche avvicinato. Il più vicino a lui con 28 vittorie è infatti  il francese Bernard Hinault. Primi italiani in questa speciale classifica sono Mario Cipollini e Gino Bartali capaci di aggiudicarsi 12 tappe a testa.

Nelle vittorie finali sono gli atleti francesi a farla da padrone, essendosi aggiudicati la Grande Boucle per 36 volte. Seguono gli atleti di Belgio con 18 trionfi e, distanziati, Spagna (con 13) USA (con 11), Italia (con 9), Lussemburgo, Svizzera, Olanda, Germania Irlanda e Danimarca.

Un’ultima curiosità, quella che al Giro d’Italia veniva definita la Maglia Nera, cioè il riconoscimento per l’ultimo in classifica, al Tour de France era soprannominata Lanterna Rossa (lanterne rouge), l’ultimo in classifica portava sotto la sella un segno di riconoscimento rosso. Per alcuni anni il comitato organizzatore, per favorire la competitività del Tour e per evitare che gli atleti combattessero per conquistare l’ultimo posto che portava comunque visibilità, al termine di ogni tappa squalificava l’ultimo classificato, ma fu una pratica che venne ben presto abolita… peccato aggiungerei…

Leave a Reply